armonia - chi ama la musica, chiama la musica

...chi ama la musica, chiama la musica...
Vai ai contenuti

armonia

Corso di armonia tradizionale

Il corso di armonia tradizionale è indicato non solo agli
allievi che intendono conseguire la materia
complementare durante il corso del proprio strumento,
ma anche ai curiosi della struttura armonica e di cio' che
fa "muovere il mondo intero".
La finalità è quella di poter armonizzare un basso dato o
un canto dato.
Lo studio del contrappunto è contemporaneo all'armonia.
Scoprire come riescono ad andare d'accordo tre o
quattro voci indipendenti, è una cosa meravigliosa senza
paragoni e aiuta anche a capire l'armonia del movimento
cosmico.

-Scale antiche e moderne;
-intervalli consonanti e dissonanti;
-moto delle parti;-triadi consonanti e dissonanti e i loro rivolti;
-accordi di settima con le loro risoluzioni e rivolti;
-cadenze e progressioni;-accordo di nona di dominante e
la sua risoluzione;
-modulazione ai toni vicini elontani;
-ritardi, note di passaggio, alterazioni, pedale;
-elementi di ritmica: formazione del periodo;
-forme musicali;
-armonizzazione di bassi a quattro parti senza numero
con progressioni, ritardi e modulazioni.
-armonizzazione di un canto dato a quattro parti;
-studio del contrappunto a tre e quattro voci nelle cinque
specie.



Corso di armonia Jazz

Il corso di armonia jazz si basa su di uno studio
approfondito oltre che della tonalità, della modalità.

-Intervalli consonanti e dissonanti;
-scale diatoniche e pentatoniche;
-triadi e suoi rivolti;
-pecularietà dei rivolti della triade aumentata;
-melodia e armonia implicita;-la tonalità;
-triadi funzionali alle scale ed i modi derivati;
-accordi a quattro parti di settima con funzioni e
trattamenti;
-triadi diminuita estesa di settima con formazioni di
accordi diminuiti e semidiminuiti;
-rivolti degli accordi di settima;
-l'uso dello "slash chords";
-le cadenze;
-la progressione, il turnaround;
-estensione degli accordi funzionali alle scale diatoniche,
"polychords" ;
-"voicings" a parti strettecon i suoi sviluppi nelle
progressioni e nel "plain turnaround"
-"voicings" a parti late con il "drop";
-"block chords" (double melody);
-modulazioni;
-variazioni armoniche e interscambio delle parti di un
accordo interpretatomodalmente;
-coltrane changes;
-side slipping;
-relazione tonale ed interscambio modale;
-struttura e sovrastruttura;
-rhythm changes.


Torna ai contenuti